Musei a Cracovia

Organizziamo viaggi a Cracovia per individuali e gruppi: visite di Cracovia, visite in italiano ad Auschwitz-Birkenau, Miniera di Sale, Santuario della Madonna Nera a Czestochowa. Contatto: info@guidadicracovia.it


Nuove Sukiennice a Cracovia

L'edificio di Sukiennice (Mercato dei Tessuti) fu costruito nel XIV secolo nel centro della Piazza del Mercato di Cracovia come il centro commerciale. Dopo il restauro nel 1879 lì è stato aperto il primo Museo Nazionale, al cui esistenza diede inizio il meraviglioso dono di Henryk Siemiradzki, ossia il grande quadro “Le torce di Nero”. Dopo l'attuale modernizzazione, nell'edificio si trova la Galleria dell'Arte Polacca del Ottocento, nella quale si possono vedere le opere di importanti artisti polacchi, come Jan Matejko, Jacek Malczewski, Piotr Michalowski, Henryk Siemiradzki, Jozef Chelmonski, fratelli Maksymilian e Aleksander Gierymski, Jozef Brandt, Pius Welonski e anche Italiano Marcello Bacciarelli e Francese Jean Pierre Norblin, che furono assunti dal mecenate delle arti, il re della Polonia Stanislaw August Poniatowski. Nelle quattro sale sono stati esposti più di duecento dipinti e sculture che rappresentano le tendenze più importanti dell'arte polacca del tardo XVIII e del XIX secolo: Illuminismo, Romanticismo, studiosi d'arte, Realismo, Impressionismo polaccho e le origini del Simbolismo.


Cracovia – Il tempo dell'occupazione 1939 – 1945 La Fabbrica “Emalia” di Oscar Schindler ‘La mostra è soprattutto una storia sulla città, sui suoi abitanti polacchi ed ebrei. Parla anche dei tedeschi - occupanti, che sono arrivati a Cracovia il 6 settembre 1939 e violentemente interruppero la secolare storia degli ebrei polacchi di Cracovia. La mostra è stata realizzata con i mezzi che vanno oltre una mostra museale traddizionale,come per esempio la teatralizzazione dello spazio, diversi mezzi scenografici, multimedia. Il passato di Cracovia è stato creato in modo che ognuno dei visitatori avesse l'impressione di “toccare” direttamente la storia. La mostra illustra la tragedia della guerra nel senso personale e collettivo, e anche la vita quotidiana a Cracovia sotto l’occupazione...’ 

Sinagoga Vecchia
via Szeroka 24 
La storia e la cultura degli ebrei di Cracovia. 

La farmacia “Sotto l’Aquila” 
Plac Bohaterow Getta 18 (Piazza degli Eroi del Ghetto) 
Su: il quartiere ebraico di Kazimierz e Podgorze. 

Cracovia nel 1939-1956
„Dom Slaski”, via Pomorska 2
‘La mostra descrive l'attività criminale dei nazisti e – in misura minore -  i crimini commessi dai comunisti negli anni 1945-1956. La mostra si compone delle fotografie, dei documenti, poster e manifesti di propaganda, cimeli, oggetti realizzati dai detenuti, unici frammenti del monumento di Grunwald distrutto dai tedeschi, l'arma (fucili mitragliatori come finlandese “Suomi” e “Sten MK II”), uniformi. È possibile vedere gli oggetti collegati al funzionamento del ghetto ebraico a Cracovia, creato dai nazisti (per esempio le carte di passafuori di ghetto), e  conoscere la storia dell'Olocausto. Ci sono stati anche dimonstrati gli atti di resistenza della società di Cracovia contro l'occupante e le prove della partecipazione dei cittadini alla costruzione dello Stato Clandestino Polacco (struttura dell'AK).
Pochi sono i reperti del periodo 1945-1956, ma queste collezioni uniche valgono la pena di vedere (per esempio le originali celle della Gestapo e del’NKVD).
www.mhk.pl

Casa di Jan Matejko – riattivata!!
via Floriańska 41
‘Molte cose sono state cambiate nella casa della famiglia dell'artista - soprattutto nuova è l'organizzazione della esposizione, con la quale incontriamo l’artista dal privata e professionale: come marito e padre, studente, artista e insegnante, viaggiatore, collezionista, precursore di conservazione dei monumenti. La nuova sistemazione dello studio di Jan Matejko ha sottolineato la grandezza della sua visione della storia polacca. Sulla parete si può vedere la proiezione multimediale realizzata in connessione con gli immagini, disegni e schizzi di grandi dimensioni di Matejko.’

Residenza di Jan Matejko a Krzeslawice
via Wankowicza 25

Museo della Giovane Polonia
“Rydlowka”, via Tetmajera 28

Museo di Stanislaw Wyspianski
via Szczepanska 11
Sul pianterreno si trovano interessanti mostre temporane. Sul primo piano – le esposizioni su Stanislaw Wyspianski, la sua pittura, gli schizzi, le opere d’arte, le vetrate.

Museo Storico di Cracovia
Piazza del Mercato 35
Le mostre di questo museo si trattano in principalmente di Cracovia: Cracovia prima di confermare l’atto dei diritti municipali nel 1257, Cracovia prima e dopo la Costituzione del 3 maggio di 1791... Vale la pena di visitarlo.

Museo Nationale
via 3 Maja 1
La moderna pittura e scultura polacca, altre esposizioni tematiche, permanente e temporanee, vasta galleria dell’arte contemporanea.

Museo di Czartoryski
via sw. Jana 19
(Purtroppo, è in fase di ristrutturazione – per vedere “La Dama con l'ermellino” recatevi al castello di Wawel)
Primo museo sul terreno polacco, creato nella fine del XVIII sec. È una grande raccolta della pittura e scultura assieme all'interessante collezione dei ricordi di persone famose. I pezzi più famosi sono due quadri: “La Dama con l'ermellino” di Leonardo Da Vinci e “ Il Paesaggio con il Samaritano misericordioso” di Rembrandt. “La Dama...” di Da Vinci è una delle sue 13 pitture autentiche. Il “Paesaggio...” di Rembrandt del 1638 è una delle sue 6 famose pitture a olio.

Centro dell'Arte e Tecnologia Giapponese “Manggha”
via Konopnickiej 26
Il museo fondato dal celebre regista Andrzej Wajda, dedicato alla cultura giapponese, sito sulla riva destra della Vistola in un'edificio moderno con il tetto ondulato, davanti alla collina di Wawel.

Casa di Józef Mehoffer
via Krupnicza 26
Uno degli artisti del movimento della Giovane Polonia, l'allievo di Jan Matejko e amico di Stanislaw Wyspianski. I suoi lavori sono stati apprezzati a Cracovia e all'estero. Vale la pena visitare il museo allestito nella sua casa familiare e ammirare il stupendo giardino.

Museo Arcidiocesano
via Kanonicza 19
Museo associato al Papa Giovanni Paolo II. Nell'interno la riconstruzione dell'appartamento dove viveva il Papa negli anni 50 e 60 del XX sec. L'esposizione contiene anche i doni che ha ricevuto e passato alla mostra. Il museo espone anche una vasta collezione dell'arte sacrale di Małopolska che va dal XIII al XIX secolo.

Palazzo vescovile di Erazm Ciolek
via Kanonicza 17
L'arte del territorio polacco dal periodo romanico al barocco e la collezione d'alta classe dell'arte della chiesa ortodossa.

Museo Archeologico
via Poselska 3
Uno dei monumenti più preziosi è la scultura raffigurante il dio pagano Światowid trovata nel fiume Zbrucz (Ucraina). L'esposizione permanente presenta la preistoria della Malopolska dai primi secoli al Medioevo. Qui si trovano anche i reperti archeologici dall'Egitto - tra i quali la ricca collezione di mummie umane e animali. La fase buia nella storia di guesto luogo, quando il museo ha funzionato come una prigione, presenta la mostra situata nel sotterraneo, nelle ex camere della prigione di San Michele. Il museo molto interessante per i bambini e adulti.

Dom pod Krzyżem (La Casa sotto la croce)
via Szpitalna 21
Qui potete conoscere la storia del teatro di Cracovia e la figura di Helena Modrzejewska, l'attrice ben nota e famosa anche all'estero.

Museo della Farmacia
via Florianska 25
La storia della farmacia dal Medioevo ai tempi moderni. Ricreato l'interno della farmacia settecentesca.

Museo di Collegium Maius UJ
via Jagiellonska 15

Krakowski Zakład Witraży (Laboratorio Cracoviano di Vetrate Artistiche S.G. Żeleński)
via Krasinskiego 23
È stata fondata nel 1902. Le vetrate prodotte qui adornano molti edifici a Cracovia. Oggi possiamo ammirare la produzione della manifattura nel Centro Espositivo e di Informazione Turistica di Cracovia in  Piazza Wszystkich Świętych (Piazza di Ogni Santi).  Sono tre belle vetrate progettate da Stanislaw Wyspianski che inizialmente sono state disegnate per decorare la cattedrale di Wawel: Henryk Pobożny (Enrico il Pio), San Stanislaw (San Stanislao) e Kazimierz Wielki (Casimiro il Grande). Indovinate chi è chi ...

Museo Etnografico
piazza Wolnica 1

Museo dell'Aviazione
via Jana Pawla II 39
Un luogo per tutti coloro che sono interessati alla storia dell’aviazione- la parte più interessante della mostra è la collezione degli aerei di Goering.

Museo Civico di Ingegneria
via sw. Wawrzynca 15

Museo dell’ AK – riattivazione!

via Wita Stwosza 12
“Museo dell'AK é l'unica instituzione nel mondo monstrante il tema generale sull'AK (Esercito Nazionale) e lo Stato Segreto Polacco. La nuova mostra permanente, mira a fornire un quadro completo dello Stato Segreto Polacco durante la guerra. La mostra rivela anche un ruolo speciale dell’AK e la dimensione personale della guerra attraverso le vite di individui”.
L'esposizione moderna - arricchita di risorse multimediali - è divisa tematicamente. Al piano terra, i visitatori possono conoscere la storia della II Repubblica Polacca, la Campagna di settembre, la vita nei campi di prigionia e vedere la riconstruzione del serbatoio “Vickers” (fatto dalle parte dello serbatoio originale del 1939).
La parte generale della mostra sullo Stato Segreto Polacco e l’AK si trova sul livello -1. Qui potete vedere non solo le centinaia di foto e cimeli, ma potete anche entrare nello scafo di Halifax, o vedere l'interno del razzo V-2.